Beppe Grillo Live ogni lunedì alle 14,00

PUBBLICITA'





L'ORRORE

diffondi

COLLABORAZIONE

E' con piacere che annuncio l'inizio della mia collaborazione con Ecoblog.


VISITA ANCHE IL MIO BLOG SULLA DIETA MEDITERRANEA E ALIMENTAZIONE MadeinItaly

mail

scrivi a : filoverde@gmail.com

PUBBLICITA'

Miadieta\\







Sky


Skype


Bottega Verde


Circuito


Dmail


/** Alice*/

Findomestic


Last Minute


Subito

Todo

yoox

PUBBLICITA'

PUBBLICITA'





Mozzarella italiana, venduta in USA ma prodotta in India




Con questa notizia siamo tra il serio e il faceto e con un bella serie di infrazioni, credo. La fonte è l'Indian Express che titola il pezzo: "Formaggio italiano, venduto negli Stati Uniti e fatto in India".
Ma andiamo con ordine. Il formaggio italiano in questione è la mozzarella di bufala. La storia, invece inizia nelPaonta Sahib, Himachal Pradesh, dove Man Mohan Malik nel 1995 ha creato l'azienda Himalya International Limited per l'esportazione di verdura. Mr. Malik presidente e amministratore delegato della società conosce la mozzarella ad una fiera agroalimentare in Germania. Mr Malik racconta : "Ho visto un italiano promuovere il formaggio a base di latte di bufala come una vera prelibatezza. Poi ho visto in un promo le immagini delle bufale d'acqua che sono le stesse delle bufale indiane (il 70 per cento dei bufali vive in India), e ho capito cosa si poteva fare. Ho visitato quasi ogni impianto di mozzarella in Italia e ho visto e assorbito tutto... "
Tornato in India, Mr. Malik ha iniziato la produzione di mozzarella, ma le cose non erano così semplici, perché non conosceva il sistema di produzione del formaggio italiano. E qui entra in gioco Raffaele Cioffi. Malik ha contattato Cioffi, che produce formaggi da cinque generazioni a Sorrento e che era stato consulente per i produttori di formaggio in Bulgaria e Russia, e lo invita a Paonta Sahib. Ma in principio, i clienti americani lamentavano il fatto che il formaggio di bufala fosse contaminato con latte di vacca. "Questo è dovuto al fatto che in India, il latte è solo latte, sia che provenga da una bufala o da una mucca", dice Malik.
Malik ordine allora attrezzature speciali dalla Germania per rintracciare da impurità, e chiede a Cioffi di sorvegliare l'intero processo, dalla mungitura delle bufale alla lavorazione del formaggio. Spiega Malik: "Raffaele ha iniziato a monitorare gli agricoltori. Abbiamo dato loro contratti in esclusiva, a condizione che non avrebbero mescolato il latte. E il nostro personale ha illustrato agli agricoltori le procedure igieniche, al fine di soddisfare i nostri clienti negli Stati Uniti. " Raffaele aggiunge: "Ora, tutti sanno che devono lavarsi le mani prima della mungitura o della la trasformazione del formaggio. Imparano molto velocemente. Abbiamo lavorato sodo per combinare la specilaità italiana con l'ingegno e l'esperienza indiana".
Il loro impianto di formaggio, è operativo dal marzo 2006, ha una capacità di produzione di 68 kg lakh (tonnellate) all' anno. La società, quotata alla BSE, ha registrato un 91,27 per cento di crescita e un utile netto di 2,5 crore di Rs per il trimestre chiuso al settembre 2007.
Negli Stati Uniti, i loro collaboratori sono Artignale Italiano con base nel Winsconsin e i loro formaggi vengono utilizzati dai migliori ristorant. Presto saranno nei circuiti Costco e Traders Joe. Il passo successivo è il lancio di formaggi italiani congelati nel mercato indiano. L'azienda ha legato con Reliance per il suo formaggio di vendita al dettaglio in India con il marchio "Bufalabella".

0 commenti: