Beppe Grillo Live ogni lunedì alle 14,00

PUBBLICITA'





L'ORRORE

diffondi

COLLABORAZIONE

E' con piacere che annuncio l'inizio della mia collaborazione con Ecoblog.


VISITA ANCHE IL MIO BLOG SULLA DIETA MEDITERRANEA E ALIMENTAZIONE MadeinItaly

mail

scrivi a : filoverde@gmail.com

PUBBLICITA'

Miadieta\\







Sky


Skype


Bottega Verde


Circuito


Dmail


/** Alice*/

Findomestic


Last Minute


Subito

Todo

yoox

PUBBLICITA'

PUBBLICITA'





Patate e mais OGM, L'Europa preferisce la Germania


Io sinceramente non capisco le reali intenzioni della Comunità europea rispetto agli Ogm. La Germania ha dato il via libera definitivo alla nuova legge sugli organismi geneticamente modificati. Due i provvedimenti principali alla base della norma, che ha già ricevuto poche settimane fa il sì del Bundestag (la camera bassa). Viene introdotta l'etichetta 'No ogm' sui prodotti alimentari, una novità che ha suscitato comunque forti proteste tra i Laender. In alcuni casi eccezionali, infatti, resta consentito l'uso di foraggio contenente vitamine o enzimi geneticamente modificati, senza che questo venga indicato sulla confezione del prodotto alimentare. Per la prima volta la legge introduce inoltre delle regole per quanto riguarda la coltivazione di mais transgenico. In futuro i campi di mais ogm dovranno avere una distanza minima di 150 metri da quelli di mais convenzionale e di 300 metri da quelli di mais biologico. Tali distanze potranno essere comunque ridotte nel caso in cui gli agricoltori giungano a un accordo per iscritto. Il regolamento vale soltanto per il mais. E questa è la prima.


La seconda notizia è che lunedì la commissione europea dovrà dare il suo parere alla patata Ogm resistente a Neomicina e Kanamicina, proprietà del fùgicante chimico tedesco Basf, antibiotici usati contro le infezioni intestinali.


E probabilmente lo darà positivo, tant'è che si è espressa in maniera positiva proprio L'Agenzia per la sicurezza alimentare, quella nostra con sede a Parma, contro i pareri dell'OMS e dell'EMEA, l'Agenzia europea per la valutazione dei farmaci.

La "superpatata" sarà usata nelle industrie cartiere, grazie al suo super contenuto di amido, e come residuo nell'alimentazione animale ( sì avete capito bene, entra nella catena alimentare...) non dovrà essere dichiarata in etichetta essendo al di sotto dello 0,9% (dicono loro). Cioè ogni 1000 patate 9 saranno OGM e dunque la quantità di geni modificati che entrano nella catena, dicono loro, sono irrisori. Ma secondo me la matematica non'è un opinione. E se sommo quelle particelle infinitesimali, più altre particelle infinitesimali, ad un certo punto avrò una quantità non infinitesimale...


Una politica agricola tutta a favore della Germania mi sembra di capire e delle multinazionali. Però credi che si stia esagerando.

0 commenti: